Museo Civico di Altomonte

  • Published in Heritage

Museo di AltomonteEdificato nel corso del XIV secolo per volontà della contessa Cobella Ruffo di Sanseverino, il convento domenicano nasce in origine come abitazione dei conti di Altomonte.

Solo nel secolo successivo i frati domenicani ricevettero in dono la struttura, costruita a strapiombo sulla vallata con evidenti accorgimenti difensivi. La struttura prese pian piano la forma tipica di un convento, con portici che circondano il cortile centrale, pilastri quadrati, archi romani e volte a crociera. Il convento venne chiuso al culto e nel 1980 restaurato dal comune di Altomonte, ospitando la biblioteca, la pinacoteca comunale ed il Museo Civico.

Il museo nasce per documentare la storia del borgo di Altomonte, con particolare riferimento ai suoi feudatari mecenati ed all'ordine religioso dei Domenicani, che qui ebbero la più importante struttura monastica della Calabria. Il Museo Civico è stato realizzato nel pianterreno del convento, e vi si accede dal chiostro quattrocentesco. Le sale espositive sono state ricavate dalle antiche celle dei frati domenicani, per un totale di 8 sale espositive.

La collezione esposta si compone di una sezione Medievale, e di una seconda sezione Domenicana. Nella sezione medievale sono esposti notevoli dipinti e opere del Trecento, tra le quali spicca la famosa tavola raffigurante San Ladislao, dipinto da Simone Martini, considerato con Giotto il maggiore artista del Trecento italiano. L'opera fu probabilemente commissionata da Filippo di Sangineto durante la campagna militare di Toscana al fianco degli angioini.

Sempre dalla collezione dei Sangineto derivano due tavole con figure di santi di Bernardo Daddi, altro maestro del Trecento che lavorò nella bottega di Giotto, un altarolo con storie della Passione di Cristo, commissionato dalla contesssa Cobella Ruffo, e due finissime tavolette in alabastro scolpite a bassorilievo da maestri francesi.

Le tavolette in alabastro facevano parte di un ciclo di 10 tavole narranti storie sacre e vite dei santi, lasciate all chiesa di Santa Maria della Consolazione da Filippo di Sangineto.

Nella sezione Domenicana del ricco Museo Civico di Altomonte, viene esposto il patrimonio pittorico e artigianale dell'ex Convento dei Domenicani, tra cui spicca una splendida galleria di olii su tela. In questa sezione si trova una bella tavola cinquecentesca, raffigurante la Madonna col Bambino, attribuita dai più a Pietro Negroni, importante pittore calabrese del XVI secolo.

Tra i maggiori dipinti del Museo Civico di Altomonte spicca la Madonna delle Pere, dipinto attribuito dai più a Paolo di Ciacio, ma nel quale emergono chiari influssi della scuola di Antonello da Messina. Quest'olio su tela è tra le maggiori opere d'arte esposte al Museo Civico di Altomonte.

Tagged under: musei

CalabriaTours.Org | Casa Vacanze in Calabria.
Una guida turistica utile per organizzare vacanze, viaggi, escursioni, visite guidate e per trovare hotel, b&b, case e appartamenti in Calabria.

 

Questo sito non è un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 2001. Ogni riproduzione non autorizzata dei contenuti costituisce una violazione della legge sul Copyright. L'utente è tenuto a leggere il disclaimer sotto riportato.

Legal | Privacy | Copyright | Cookie | Sitemap