Grotta del Romito

  • Published in Heritage

Sito della Grotta del RomitoSito archeologico di assoluto rilievo, risalente al Paleolitico superiore, la Grotta del Romito contiene evidenti e abbondanti tracce di frequentazione umana, nonché tra le maggiori testimonianze dell'arte preistorica in Italia, tra le più antiche d'Europa.

Il sito si trova in località Nuppolara in agro del Comune di Papasidero, a 296 metri di quota tra gli anfratti della scoscesa Valle del Lao. L'area archeologica ricade nella superficie del grande Parco Nazionale del Pollino, venne individuata nel 1961 regalando preziose informazioni circa la vita preistorica dell'homo sapiens. All'interno della Grotta del Romito, scavata nella roccia calcarea per 20 metri di profondità, è stato rinvenuto nel 1961 un graffito raffigurante due bovidi (Bos primigenius) che gli esperti di paleontologia fanno risalire al Paleolitico superiore, circa 16 mila anni fa.

I DUE GRAFFITI. Il graffito, inciso su un masso di 2,30 metri di lunghezza ed inclinato di 45°, mostra la figura di un toro preistorico lungo circa 1,20 metri, disegnato con tratto forte e sicuro. Le corna, viste ambedue di lato, sono proiettate in avanti e hanno il profilo chiuso. Sono rappresentate con cura alcuni particolari del primo bovide come le narici, la bocca, l’occhio appena accennato, l’orecchio. Nello stesso graffito, al di sotto della grande figura di toro vi è incisa, in maniera più sottile, un'altra figura di bovide di cui sono eseguiti soltanto il petto, la testa e una parte della schiena.

All'interno della Grotta del Romito, di fronte al masso con i 2 bovidi ve ne è un altro di circa 3,50 metri di lunghezza, con segni lineari incisi di significato apparentemente incomprensibile, ma di chiara mano umana. Le meraviglie del Romito non finiscono ai graffiti impressi nella roccia calcarea.

IL SITO ARCHEOLOGICO. Il sito archeologico è infatti diviso in due distinte aree : la Grotta vera e propria contenente i graffiti del Paleolitico superiore che si addentra nella formazione calcarea con un cunicolo stretto e oscuro; e il Riparo che si estende per circa 34 metri in direzione est-ovest a monte della grotta. Nell'area di scavo sono state rinvenute in totale 4 sepolture distinte, 3 di queste sono datate tra i 9.000 e 10.000 mila anni a.C. Ma la quarta, scoperta di recente è datata a 16.000 anni fa. Ogni sepoltura presenta una coppia di scheletri disposti secondo un rituale ben definito. Nell'area del Riparo sono state rinvenute tracce di La frequentazione neolitica consistenti in una cinquantina di cocci di ceramica che rivelano l'esistenza di un commercio della ossidiana proveniente dalle isole Eolie. Tali reperti sono datati intorno al 4.450 anni a.C.

L'importanza del sito di Papasidero a livello europeo è legata all'abbondanza di reperti paleolitici, che coprono un arco temporale compreso tra 23.000 e 10.000 anni fa, ed hanno consentito la ricostruzione delle abitudini alimentari, della vita sociale e dell'ambiente dell' Homo sapiens. Il sito è visitabile grazie alla realizzazione di passerelle e impianti di illuminazione adeguati alla circostanza.

CalabriaTours.Org | Casa Vacanze in Calabria.
Una guida turistica utile per organizzare vacanze, viaggi, escursioni, visite guidate e per trovare hotel, b&b, case e appartamenti in Calabria.

 

Questo sito non è un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 2001. Ogni riproduzione non autorizzata dei contenuti costituisce una violazione della legge sul Copyright. L'utente è tenuto a leggere il disclaimer sotto riportato.

Legal | Privacy | Copyright | Cookie | Sitemap