vibonese

Dal Monte Poro alla meravigliosa Costa degli Dei: l'area del Vibonese

L'area geografica del Vibonese coincide con il "corno" della Calabria, quella prospicienza sul Tirreno che parte a nord da Vibo Valentia per rientrare a sud con Marina di Nicotera. L'area del Vibonese è nota per le magnifiche spiagge della Costa degli Dei, della quale Zambrone, Tropea e Capo Vaticano sono le mete più gettonate. Ma l'area produce anche alcuni prodotti tipici molto noti come la nduja di Spilinga, la cipolla di Tropea e il pecorino del Monte Poro.

  • Capo Vaticano

    Capo VaticanoIn uno dei luoghi più suggestivi della Calabria e del meridione d'Italia, adagiato sopra un esteso pianoro roccioso a picco sul mare, sorge Capo Vaticano rinomata località balneare della provincia di Vibo Valentia e della Costa degli Dei.

    La località, ricadente nel comune di Ricadi, si sviluppa adiacente l'omonimo promontorio in granito bianco che si alza fino a 124 metri di altitudine a picco sul livello del mare, regalando paesaggi suggestivi di incomparabile bellezza e panorami mozzafiato che raggiungono lo Stromboli e le isole Eolie.

  • Capovaticano Thalasso & Spa

    capo vaticano thalasso hotelL'hotel gode di una posizione privilegiata con una vista mozzafiato sul vulcano Stromboli e le Isole Eolie. Il resort si trova nell'incantevole cornice di una natura incontaminata, un susseguirsi di promontori rocciosi e di spiagge sabbiose che offrono un panorama indimenticabile.

    Ampia struttura concepita secondo criteri minimalisti e moderni, l'hotel Capovaticano Thalasso & Spa è ubicato direttamente sullo splendido mare della Costa degli Dei, tra le famose località balneari di Tropea e Capo Vaticano.

  • Castello di Pizzo Calabro

    Castello di Pizzo Calabroa costruzione del castello di Pizzo Calabro è legata agli eventi storici del periodo aragonese della Calabria.

    Venne infatti edificato nel XV secolo per volere del re Ferdinando d'Aragona, giunto in Calabria per sedare la sanguinosa congiura dei baroni, ordita contro di lui da alcuni feudatari locali, come Carlo Sanseverino, conte di Mileto e feudatario di Pizzo. Dopo aver sopraffatto in modo sanguinoso i cospiratori, il re aragonese fece potenziare buona parte del sistema difensivo del suo regno rimaneggiando i castelli dei feudi rivoltosi come Belvedere Marittimo, Castrovillari e Corigliano.

  • Castello di Vibo Valentia

    Castello di Vibo ValentiaSi staglia maestoso sulla collina dove era situata l'acropoli dell'antica Hipponion e domina, con la sua forma di nave, la città di Vibo Valentia e la bassa valle del Mesima.

    Edificato tra il 1070 ed il 1074 d.C. per volere di Ruggero il Normanno, che in questi lidi aveva condotto e accampato il suo esercito, il maniero era probabilmente una semplice fortificazione, costituita da una sola torre triangolare al centro di altre tre torri circolari. Nonostante i forti rimaneggiamenti ricevuti, il castello di Vibo Valentia conserva l'impianto normanno.

  • Cipolla di Tropea

    Cipolla Rossa di TropeaLa cipolla rossa di Tropea è un bulbo che si produce sulla zona costiera tirrenica compresa tra Amantea a nord e Nicotera a sud. La zona di maggior produzione è ubicata tra i comuni di Ricadi, Briatico e Tropea, tutti nella provincia di Vibo Valentia.

    Le particolari sostanze del terreno rendono la cipolla rossa di Tropea ricca di vitamina C e di minerali quali il ferro, il selenio, il megnesio e lo zinco. Il bulbo infatti è accreditato di molti effetti benefici tra cui una forte azione antisclerotica che previene gli infarti apportando grandi benefici al cuore. Secondo alcuni la cipolla rossa di Tropea venne importata dalla Persia migliaia di anni fa, secondo altri invece dai Fenici.

  • Costa degli Dei

    Costa degli DeiTra le zone costiere più belle e suggestive d'Italia, la Costa degli Dei si estende sul tratto tirrenico compreso tra i comuni di Pizzo Calabro a nord e Nicotera a sud, inglobando tutte le altre località presenti sul cosiddetto Corno di Calabria.

    Il litorale ricade interamente nella provincia di Vibo Valentia ed è in gran parte segnato dall'altopiano del Monte Poro che termina a strapiombo sul mare con le vaste digitazioni in granito bianco del Promontorio di Capo Vaticano, intorno alle quali sono nascoste le splendide spiagge bianche che fanno la fortuna di questo tratto cosriero. 

  • Hotel Villa Paola Tropea

    hotel villa paola tropeaNuova residenza tra le più esclusive della costa tropeana e della Calabria, il Villa Paola Hotel sorge all'interno di un piccolo convento del Cinquecento, restaurato ad arte e adibito a struttura ricettiva.

    La villa è un piccolo complesso ricettivo a cinque stelle ubicato sulle colline di Tropea con ampia veduta sulla magnifica Costa degli Dei e sul porto turistico della nota località balneare. Hotel elegante e molto silenzioso, al suo interno il piccolo chiostro ed il porticato ne ricordano lo stile rinascimentale. Il Villa Paola dispone di camere Superior, disposte sui vari piani dell'albergo ampie, confortevoli e molto luminose.

  • Lago Angitola

    Lago AngitolaRicadente nel territorio del comune di Pizzo Calabro, a 3 km di distanza dalla Costa degli Dei, è stato creato nel 1966 il lago artificiale di Angitola, sbarrando il corso dell'omonimo fiume.

    Il lago di Angitola ha una superficie totale di 196 ettari ed una profondità massima di 28 metri, che gli consentono una portata di 21 milioni di m3 d'acqua. Pur non essendo contigui, l'una a l'altra, l'area del lago di Angitola ricade nella perimetrazione del Parco Regionale delle Serre. Il lago di Angitola è circondato da declivi ricoperti da uliveti e macchia mediterranea, e da una fascia di rimboschimento a pino d’Aleppo, mentre pioppi neri, cannucce tife, salice bianco, ontani neri crescono sulla riva, dove troviamo anche eucalipti e querce da sughero.

  • Mura di Hipponion

    Mura di HipponionLa cinta muraria dell'antica colonia di Hipponion fu indagata nel suo tratto Nord-Est tra il 1916 e il 1922. 

    Sullo scorcio del secolo scorso l'analisi delle foto aeree e alcune verifiche del terreno hanno permesso di approfondire la conoscenza sulla tecnica costruttiva e di accertare la successione di diverse fasi edilizie. Le mura greche di Hipponion erano dotate di varchi, piccole porte e porte monumentali, nelle quali sfociavano i più significativi assi viari di comunicazione fra il settore urbano e le aree extraurbane. 

  • Museo Archeologico di Vibo Valentia

    Museo di Vibo ValentiaIl Museo Archeologico di Vibo Valentia venne istituito dalla Sovrintendenza per i Beni Archeologici della Calabria nel 1969, con sede in Palazzo Gagliardi, ubicato in origine nel centro storico della città.

    Il museo venne costituito attorno al primo nucleo delle collezioni Capialbi e Albanese, solo successivamente si aggiunsero i materiali provenienti dagli scavi condotti nelle varie zone dell'abitato e relativi all'antica Hipponion. Dal 1996 il museo è stato trasferito nelle sale del castello normanno, appositamente restaurato. Il percorso espositivo è articolato secondo un criterio topografico, per cui al piano superiore sono esposti i reperti dalle aree sacre di Scrimbia, del Cofino, della Cava Cordopatri.

CalabriaTours.Org | Casa Vacanze in Calabria.
Una guida turistica utile per organizzare vacanze, viaggi, escursioni, visite guidate e per trovare hotel, b&b, case e appartamenti in Calabria.

 

Questo sito non è un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 2001. Ogni riproduzione non autorizzata dei contenuti costituisce una violazione della legge sul Copyright. L'utente è tenuto a leggere il disclaimer sotto riportato.

Legal | Privacy | Copyright | Cookie | Sitemap