Banchetti Sibariti

  • Published in History

Banchetti SibaritiLo sfarzo, l'opulenza dell'antica Sybaris e l'amore dei suoi cittadini per la vita mondana, divennero proverbiali in tutto il mondo greco, con storie e leggende che facevano il giro del mondo conosciuto.

Tali caratteristiche erano particolarmente evidenti nei sontuosi banchetti sibariti, intorno ai quali si narravano leggende che volevano nelle case degli aristocratici sibariti, il vino sgorgare direttamente dalle campagne tramite condutture in terracotta. Per ordine del governo sibarita era fatto divieto possedere galli in città per non disturbare il sonno dei vicini che spesso dormivano fino a tarda mattina.

Lo sfarzo dei sontuosi banchetti sibariti, conosciuti ovunque nel mondo antico, venne descritto dagli storici greci come Erodoto. La sala dove aveva luogo il banchetto era decorata con gusto esuberante, adornata con bende e corone e al centro vi era un grande mosaico pavimentale.

IL SYNDEIPNON. Gli ospiti venivano fatti accomodare su dei lettini (klinai). Poi ad un cenno del padrone aveva inizio il banchetto: i servi portavano i trapeza, tavolini bassi e leggeri, e li ponevano di fronte agli ospiti. Veniva servito dapprima un aperitivo, una bevanda con vino, miele e cannella. Nella prima fase del banchetto, chiamata syndeipnon, venivano offerti cibi e vini stuzzicanti.

IL SYMPOSION. In un secondo momento, detto symposion, aveva inizio il banchetto vero e proprio. I cibi già tagliati venivano posti sui trapeza; non vi erano posate tranne che per i passati di cereali, dove usavano il cucchiaio, si mangiava con le mani. Durante i banchetti sibariti l'aria era profumata dal thyamiateron, l'incensiere. Il pasto era accompagnato da musiche e danze. Le pietanze erano servite in piatti di terracotta; vi era una varietà dei cibi: salsicce, carne tritata e capretti tarantini, prelibatezze amate dai Sibariti, diversi tipi di pesce, crostacei di Minturno, e il tonno tarantino, seguiti da formaggi, pani dorati e tondi.

IL KANDAULOS. Il kandaulos, tipico piatto magnogreco, era composto da carne bollita, briciole di pane, formaggio, anice e brodo grasso, ed era accompagnato da contorno di verdure e tuberi. I servi porgevano grandi ceste di frutta con fichi, miele, noci, pere, mandorle, melograni, ciambelline di miele e sesamo. Il tutto era innaffiato da preziosi vini come il vino di Sorrento o il vino Falerno di Capua, che erano serviti in coppe d'argento.

IL PLAUKOS. Alla fine dei banchetti sibariti veniva portato il plakous, dolce dalle grandi proporzioni e dalla forma tonda, ottenuto impastando insieme farina, noci, pistacchi e datteri.

Tagged under: magna grecia tradizioni

CalabriaTours.Org | Casa Vacanze in Calabria.
Una guida turistica utile per organizzare vacanze, viaggi, escursioni, visite guidate e per trovare hotel, b&b, case e appartamenti in Calabria.

 

Questo sito non è un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 2001. Ogni riproduzione non autorizzata dei contenuti costituisce una violazione della legge sul Copyright. L'utente è tenuto a leggere il disclaimer sotto riportato.

Legal | Privacy | Copyright | Cookie | Sitemap